insegnante: MONICA PONTINI

Obiettivi Generali
Il corso di mandolino, in quanto strumento tipico tradizione popolare appartenente a diverse etnie nel mondo affronterà oltre alle necessarie e basilari abilità tecniche i repertori che lo contraddistinguono: dalla musica antica italiana (tarantella, brando, saltarello) a quella Ottocentesca (la Canzone Napoletana) - la musica celtica - il country del nord America - la gypsy music dell’est europeo.

TECNICA
• Impostazione dello strumento
• Scale e arpeggi
• Mobilità e coordinazione

INTERPRETAZIONE
• Fraseggio
• Dinamica e agogica
• Filologia e rispetto dello stile

IMPROVVISAZIONE
• Pratica della prima vista
• Composizione guidata

Obiettivi specifici del I Step
Impostazione dello strumento e del plettro (mano sx e mano dx)
Articolazione della plettro in “su” e in “giù”
Primi esercizi con le corde vuote
• esercizi ritmici con le c.v.
• le dinamiche p, f

Testi di riferimento
Mel Bay - Mandolin Method
Mario Monti - petite methode pour la mandolino (teil 1)
Carlo Munier - Scuola di mandolino (vol. 1-2)

Obiettivi specifici II Step
Impostazione delle dita sx (1-2-3-4) e del pollice
Il tremolo
Capacità di autonomia rispetto alla pulsazione ritmica dei brani
Nozioni di “crescendo” “diminuendo” con il tremolo
Alternanza di staccato e legato e tremolo in uno stesso brano

Testi di riferimento
Mel Bay - Mandolin Method
Mario Monti - petite methode pour la mandolino (teil 2)
Carlo Munier - Scuola di mandolino (vol. 2-3)

Obiettivi specifici III Step
Nozioni di Cambiamento di posizione
Scale e Arpeggi a 1 e 2 Ottave
Nozioni di “ritardando” “accelerando”
Nozioni di interpretazione a seconda dello stile e dell’epoca del testo
Sviluppo e potenziamento della memoria

Testi di riferimento
Mel Bay - Mandolin Method
Mario Monti - petite methode pour la mandoline (teil 3)
Carlo Munier - Scuola di mandolino (vol. 3)